Eucalipto - Florape

Vai ai contenuti

Menu principale:

Eucalipto

 
 
Miele di eucalipto (Eucalyptus camaldulensis Dehnh. - Myrtaceae)

 
 
La pianta
 
Eucalyptus camaldulensis è una specie a portamento arboreo (fino a 20 - 40 m) con chioma espansa e irregolare, foglie persistenti diverse nelle diverse fasi di sviluppo della pianta (eterofillia), fiori a gruppetti di 4 - 10 con tipico aspetto piumoso, dovuto al ciuffo degli stami che sormontano il ricettacolo legnoso basale. E’ pianta originaria dell’Australia, introdotta in Italia agli inizi del ‘900, negli ambienti mediterranei per rimboschimento. E’ stata diffusa soprattutto nelle aree di bonifica, nell’erronea convinzione che il profumo della pianta contribuisse a risanare i territori dalla malaria. La rapida crescita lo ha fatto diffondere anche come frangivento nelle zone costiere, come specie ornamentale e per l’industria della carta. E’ possibile estrarne un olio essenziale
utilizzato nell’industria chimico-farmaceutica. Resiste al vento, alla salsedine e all’inquinamento ma non alle gelate e sono comuni le rotture a livello della chioma per la fragilità degli organi legnosi. Altre specie comunemente coltivate sono E. globulus (fioritura novembre - giugno), E. viminalis (fioritura maggio - giugno), E. niphophila e E. parviflora (fioritura luglio - agosto) e E. glaucescens (fioritura settembre - ottobre).
Ambiente di diffusione: specie esclusivamente coltivata.
Fioritura: giugno – agosto.
Potenziale mellifero: molto buono (classe VI).
Il miele
Produzioni importanti di miele di eucalipto si hanno in Italia nelle zone costiere delle regioni centro-meridionali e, in particolare, lungo il litorale maremmano tirrenico (soprattutto laziale), in Calabria, Sicilia e Sardegna. Sulla costa ionica calabrese si producono anche mieli uniflorali di eucalipto da specie diverse da E. camaldulensis, con fioritura a settembre - ottobre. Nel mondo si hanno produzioni ingenti di miele di eucalipto nei paesi di origine di queste specie (Australia e Nuova Zelanda) ma anche in tutti i paesi in cui le specie sono state introdotte, analogamente a quanto fatto in Italia (Spagna, Nord Africa, Israele, Rep. Sudafricana, America centrale e meridionale). Si tratta di un miele con caratteristiche che non incontrano il gusto della maggior parte dei consumatori (odore e aroma forti e di tipo animale), ma, forse proprio per questo, il prodotto si colloca con favore presso una fascia sempre più ampia di persone che ne apprezzano le caratteristiche particolari. Non senza importanza nell’affermazione del prodotto è la convinzione da parte del consumatore che in questo tipo di miele le proprietà utili alla cura delle malattie da raffreddamento, comuni a tutti i tipi di miele, siano in questo caso rinforzate dall’origine.
Caratteristiche melissopalinologiche.
Percentuale di polline di Eucalyptus superiore al 90%
    
Numero assoluto di granuli
pollinici  in 10 g di miele
    
PK/10 g: superiore a 100.000 (media = 269.300;  dev.st. = 144.100) Classe di  rappresentatività III
Aspetti organolettici
  
ESAME VISIVO
    
Stato fisico
    
cristallizza spontaneamente in tempi abbastanza  rapidi dando luogo, molto spesso, a una massa  compatta con cristalli fini o medi
    
Colore
    
da ambrato  chiaro a scuro quando liquido; beige grigiastro quando cristallizzato
    
ESAME OLFATTIVO
  
Intensità odore
    
almeno di media intensità
    
Descrizione odore
    
molto  caratteristico; non molto fine, animale, di cane bagnato, di funghi secchi,  di dado da brodo, di  liquirizia, di affumicato, di caramello, di asfalto bagnato, di foglie della  pianta
    
ESAME GUSTATIVO
    
Sapore
    
normalmente  dolce; normalmente acido; salato non percettibile o leggero
Intensità aroma
    
almeno di media intensità
    
Descrizione
aroma
    
molto  caratteristico; di caramella mou alla liquirizia; richiama le sensazioni olfattive,  ma è più fine e ricco
    
Persistenza
    
mediamente  persistente
Note
Deroghe - Contenuto in saccarosio: non più di 10g/100g.
Caratteristiche chimico–fisiche - Valori medio-alti di diastasi, invertasi e rapporto G/H2O.


Torna ai contenuti | Torna al menu